Lug 4, 6 anni ago

Il tramonto di un’epoca

Sono stati gli ultimi otto minuti e trenta secondi dello Shuttle: l’ultima corsa di una navicella verso lo spazio. Una degna conclusone per un’era durata trent’anni e nel corso della quale l’accesso all’orbita terrestre è diventato tanto frequente da essere quasi scontato. Eppure, a dodici giorni dalla fine dell’ultima missione, nessuno alla Nasa sa ancora dire con certezza quando e con quale mezzo targato “USA” gli Stati Uniti potranno tornare a far volare i propri astronauti.

La navicella Atlantis a terra dopo l'ultimo volo dell'era shuttle. È il 21 luglio 2011.

In tre decenni e 135 missioni, le navette sono invecchiate anagraficamente e tecnologicamente. Da anni si racconta che gli esperti della Nasa fatichino a trovare pezzi di ricambio adeguati per alcuni sistemi eche  lo sforzo finanziario per tenere tenere in buone condizioni i quattro Shuttle sia diventato proibitivo. Proibitivo se confrontato con le ambizioni spaziali americane, che al giorno d’oggi non sono più quelle della guerra fredda. Dopo la distruzione dello Shuttle Columbia durante la manovra di rientro nell’atmosfera – era il 1° febbraio 2003 – l’Amercia ha deciso di giocarsela in modo sicuro. Troppo, forse, per riuscire davvero a ripetere i grandi successi del passato. Conseguenza: dal 20 luglio, quando Atlantis rientrerà dalla sua ultima missione, gli Stati Uniti si ritroveranno a terra,  senza più un vettore autonomo per riuscire a portare uomini nello spazio. Coloro che per tre decenni hanno ospitato sul proprio vascello spaziale astronauti di nazioni incapaci di “sbrigarsela da sole” (Europa compresa), dovranno chiedere un passaggio agli ex rivali, i russi. Già, perché nel dopo-Shuttle tutto quello che rimane è la capsula Soyuz: un carro armato delle stelle il cui design originale risale al 1967.

Una storia di progetti cancellati

Che gli Shuttle dovessero andare in pensione era chiaro da tempo. Stretta fra misure di sicurezza sempre più pressanti, da una parte, e tagli di fondi dall’altra, la Nasa è stata incapace  di portare a termine un programma alternativo che fosse pronto per raccogliere l’eredità delle navette dopo il loro pensionamento.

VentureStar, Shuttle, Ares I, Ares IV e Saturno 5

Eppure un progetto concreto era già in cantiere a metà degli anni novanta. Il prototipo dello spazioplano VentureStar, denominato X33, avrebbe dovuto volare nel 2006. Invece la Nasa ha deciso di cancellare il programma nel 2001, quando erano stati spesi 1,33 miliardi dollari e buona parte delle tecnologie necessarie erano state messe a punto. La spiegazione ufficiale stava nella scarsa redditività del veicolo: troppo costoso e non confacente alla nuova politica spaziale dettata dal nuovo inquilino della Casa Bianca. Il nuovo veicolo avrebbe disposto di motori più efficienti e sarebbe stato in grado di entrare in orbita senza l’ausilio di un serbatoio esterno e didue razzi a propellente solido di cui oggi lo Shuttle non può fare a meno.

L’X33 è stato vittima in gran parte del piano spaziale dell’amministrazione Bush, che puntava a tornare sulla Luna e a portare il primo uomo su Marte in breve tempo. Programma che non necessitava di un veicolo riutilizzabile, ma di una serie di vettori potenti e flessibili. Da lì lo sviluppo del nuovo (vecchio) mezzo di trasporto:  una capsula simile a quella dei voli Apollo, solo più grande e tecnologicamente avanzata chiamata Orion. Il cono di metallo a sei posti sarebbe stato messo in cima ad un razzo a propellente solido derivato direttamente da quelli utilizati sino a poche ore fa per spingere in orbita lo Shuttle. Ares I, questo il nome dell’insieme, sarebbe stato affiancato dall’Ares IV, un mastodontico vettore in grado di trasportare nello spazio fino a 188 tonnellate di materiale: una volta e mezza la capacità del razzo più potente costruito sino ad oggi, ovvero il Saturno 5. Il primo lancio di test dell’Ares 1 venne eseguito il 28 ottobre 2009.

In ritardo e fuori budget,il  programma “Constellation” (di cui Orion e Ares facevano parte) è stato cancellato nel febbraio 2010, sotto l’amminstrazione Obama. Unico superstite: la capsula Orion (chiudere il programma sarebbe costato di più che portarlo a termine), prontamente ridimensionata, adattata per ospitare “solo” quattro astronauti e rinominata Multi-Purpose Crew Vehicle (MPCV). Il primo volo della capsula è previsto per il 2016, ma non è ancora chiaro su che tipo di razzo sarà piazzata. Nulla in vista anche per il successore dell’Ares IV.

Mancano solo dodici giorni dalla fine dell’era Shuttle e il conto alla rovescia prosegue. Inesorabile.

Share "Il tramonto di un’epoca" via

No comments yet.

Leave a reply